Stampa questa pagina

ài miei di cjase

ài miei di cjase
Voi lassâ ài miei di cjase
ducj i dîs che no ài viodût,
i miei dîs lisêrs ài làvin
come il cjalt ch'al ven dal fûc.
Èrin vierts come dôs âles,
come veles,
come il mâr
e il gno cuarp daûr
al lave cussì svuelt
ch'a nol tignive il timp,
cussì svuelt
ch'a nol tignive il timp.
Voi lassâ
a cui ch'al cor
la mê presce
ch'a è già lôr;
voi lassàur il cuel e la vite
lâsci a lôr ridi e sudôr;
la mê mûse no pos dâle
l'ài pierdude masse viaçs.
Sôre us doi, s'al è compagn,
dut il pêl ch'i ài tignût su pa lenghe
dut il pêl da mê lenghe.
A 'nd'è un cîl sôre di ogni cjase
int ch'a vîf tra radîs e strades
e cui sa ce ch'a divente
e cui sa ce ch'a sarà
cui sa mai ce ch'a divente
cui sa mai ce ch'a sarà.
Voi lassâ
par cuant ch'i torni
dut il biel
che no ài doprât
la mê anime mi clame
e mi puarte a semenâ.
Sôre un cjamp lâsci las mans,
i miei vôi jù dal bosc,
il gno cuarp tra arie e cjere
e da om i sei podût tornâ
e da om i sei tornât.

Ai miei di casa
Voglio lasciare ai miei di casa
tutti i giorni che non ho visto,
i miei giorni passavano leggeri
come il caldo che viene dal fuoco.
Erano aperti come due ali,
come vele,
come il mare,
il mio corpo li seguiva
ma erano così veloci
che non riusciva a tenere il tempo.
ma erano così veloci
che non riusciva a tenere il tempo.
Voglio lasciare
a chi corre
la mia premura
che è già loro;
voglio lasciare la mia energia,
il mio ridere ed il sudore,
la mia faccia non posso darla
l'ho persa troppe volte.
In compenso, (se per voi è lo stesso)
vi do' ciò che ho tenuto sulla lingua
tutto il pelo della mia lingua.
C'è un cielo sopra ogni casa
gente che vive tra radici e strade
chissà cosa ci aspetta
chissà cosa sarà.
chissà cosa ci aspetta
chissà cosa sarà.
Voglio lasciare,
per quando ritornerò,
tutto il bello
che non ho adoperato;
la mia anima mi chiama
e mi porta a seminare.
Sopra un campo lascio le mani,
i miei occhi li do' al bosco,
il mio corpo tra aria e terra
e da uomo sono potuto ritornare,
da uomo sono ritornato.

Letto 98155 volte