Stampa questa pagina

I vôi dal bosc

I vôi dal bosc
Son i vôi dal bosc,
i vôi dal bosc ch'a cjâlin
i vôi sierâts ch'a cjâlin.
Lâsci al timp ch'al ven
dut ce ch'i eri e sei
par prov âce ch'a si cjate.
A 'nd'è une ore par nasci
e jò nas animâl
cambi piel e vous
e mi jôvi,
lâsci il gno caratar
e mi invìi.
Al è l'an da plôe e dai piçui bagnâts
e di cheste cjere onte ch'a jù vai.
Ogni sclope a è un om
à simpri un om daûr
al glot l'odôr dal muscli
e il colôr dal prât;
cori par no rivâ,
cori denti a un parcè
lontan da chel puest,
da chê sclope.
A 'nd'è un cresci
par daventâ nue
come visc a tindi di un pierdût amôr;
a 'nd'è un cresci
da bosc a cíl
come visc a tindi di un amôr pierdût.
No! A nol conte la poure un animâl ch'al cor,
a nol dîs a nissun di une corse ch'a no baste.
Ogni sclope à un om,
à simpri un om daûr;
cence lune chest meis,
cence une rôse;
ogni bosc à un troi
che di sanc al si bagne
e tal not ch'al ven
dut al passe.
A 'nd'è un cjan
ch'ài cor daûr
stesse anime di sûr
il mâl e la poure
che insieme a crescin
e insieme a stan.
Al è l'an da plôe e dai piçui bagnâts
e di cheste cjere onte che jû vai.
No! A nol conte la poure un animâl ch'al cor
a nol dîs a nissun di une corse ch'a no baste.

 

 

 

Gli occhi del bosco
Sono gli occhi del bosco
gli occhi del bosco che guardano
gli occhi chiusi che guardano.
Lascio al tempo che viene
ciò che ero e che sono
per cercare ciò che non conosco.
C'è un' ora per nascere
e io nasco animale
cambio pelle e voce,
mi alzo,
lascio il mio carattere
e mi avvio.
E' l'anno della pioggia e dei piccoli bagnati
e di questa terra unta che li piange.
Ogni fucile ha un uomo,
ha sempre un uomo dietro
inghiotte l'odore del muschio
e il colore del prato;
correre per non arrivare
correre dentro ad un perchè
lontano da quel posto,
da quel fucile.
C'è un crescere
per diventare niente
come il vischio di un perduto amore
C'è un crescere
da bosco a cielo
come il vischio di un amore perso.
No! Non racconta la paura un animale che corre,
non racconta a nessuno di una fuga che non gli servirà.
Ogni fucile ha un uomo,
ha sempre un uomo dietro
senza luna questo mese
senza una rosa.
Ogni bosco ha un sentiero
che di sangue si bagna
e nel buio che viene
tutto passa.
C'è un cane
che lo insegue
stessa anima sorella
il male e la paura
che insieme crescono
e insieme stanno.
E' l'anno della pioggia e dei piccoli bagnati
e di questa terra unta che li piange.
No! Non racconta la paura un animale che corre,
non racconta a nessuno di una fuga che non gli servirà.

Letto 291092 volte