Stampa questa pagina

Il timp dai oms

Il timp dai oms
Èrin tancj e no sin âti,
ducj aì come ogni dì;
i spietavin la paraule
une buine novitât.
Sot di nou a bat da simpri
vôe e poure di partî;
forsi tancj a no lu san
ch'ài son lôr
chel cîl ch'ài viout difûr,
ch'ài son lôr
chel cîl difûr.
Sot di nou il timp al passe
e cun lui din vie dut
e a samê che il timp dai oms
nol si sêti mai fermât;
ma i amôrs pierdûts in cjase
cuanche a rèstin di bessoi
a si cjàlin cence dîsi
ch'ài son lôr un pouc
ce che an lassât,
ch'ài son lôr un pouc
ce che an pierdût.
Stoi tal dì che voi al entre
stoi cun lui achì ogni dì
il dì al ven, mi passe dongje
e jò no sai mai nue di lui.
Èrin tancj, sin lâts a lunc
Èrin fruts e sin già oms;
oms ch'i giuín cul doman
ma il doman a no si viout
voi sei usât a vivi in doi
intun paîs sierât in cjase
cui amîs
che ài vevin vôe di amîs
cui amîs
che ài vevin vôe di amîs. 
Il tempo degli uomini
Eravamo tanti e non ci siamo più
tutti lì come ogni giorno
aspettavamo la parola
una buona novità.
Sotto di noi batte da sempre
desiderio e paura di partire
forse tanti non sanno
che sono loro
il cielo che vedono fuori.
che sono loro
il cielo fuori.
Sotto di noi il tempo passa
e con lui regaliamo tutto
e sembra che il tempo degli uomini
non si sia mai fermato
ma gli amori persi in casa
quando restano soli
si guardano senza dirsi
che sono loro un poco
ciò che hanno lasciato
che sono loro un poco
ciò che hanno perso.
Sto nel giorno che oggi entra
sto con lui qui da sempre
il giorno viene, mi passa vicino
ed io non so nulla di lui.
Eravamo tanti, siamo andati oltre
eravamo bambini e siamo già uomini
uomini che giocano con il domani
ma il domani non si vede
oggi mi sono abituato a vivere in due
in un paese chiuso in casa
con amici
che avevano bisogno di amici.
con amici
che avevano bisogno di amici. 

 

 

Letto 133387 volte