Stampa questa pagina

L'om ch'al vîf ta strade

L'om ch'al vîf ta strade
L'om ch'al vîf ta strade e ch'al sa lei la man
parcè no 'nd'èise nue ch'a passe là che a finissin i miei deits?
Sul finî da stagjon ere ore di partî
siêti il treno ch'al è lât, siêti l'om ch'al reste.
Balcons di lûs si èmplin par me ch'i sei lontan
la int usnot si ferme, la not a è freide ta mê man;
animes a lûsin tal scûr dal lôr passâ
sôre puints di âghe là che a finissin i miei deits.
Il gno vouli di vêri nol met a fûc i colôrs
a cole la cinîse, si stude vie la lûs;
no 'nd'è nue ch'a passe cumò ch'i sei lontan
e cîr i tiei colôrs di lane là che a finissin i miei deits.
L'om ch'al vîf ta strade, ch'al à viodût lâ vie dut,
ch'al sint l'inviern da sô bande, ch'al sa ch'al jove e al è not,
ch'al sa che il cîl da sô cjase, chel cîl, lu à già pierdût;
la sô peraule a jes lisere e a va, no à plui nue da leâ.
Sei usât, come ducj, voi indavant e indaûr
la mê vite a va indenti, indenti e a no torne mai nue
e a sa lei las peraules e sintî i miei pinsîrs
come une mâri ch'a no cjarece il fî però lu clame par mostrâ.
Jò ch'i sai ce ch'a reste, jò ch'i sai, no ài capît
e mi cjati a binore: ài vaît e vût freit;
la mê strade a è lontane e tantes âtes prin
siêti il treno ch'al è lât, siêti l'om ch'al reste.

L'uomo che vive in strada
l'uomo che vive in strada e che sa leggere la mano?
perchè non c'è nulla che passa dove finiscono le mie dita?
Sul finire della stagione era ora di partire
aspetto il treno che è già andato, aspetto l'uomo che rimane.
Finestre di luce si riempiono per me che sono lontano
la gente stasera si ferma, la notte ? fredda nella mia mano;
anime di luce nel buio del loro passare
sopra ponti di acqua, dove finiscono le mie dita.
Il mio occhio di vetro non mette a fuoco i colori
cade la cenere, si spegne la luce;
non c'è nulla che passa ora che sono lontano
e cerco i tuoi colori di lana dove finiscono le mie dita.
L'uomo che vive in strada e che ha visto andare via tutto,
che sente l'inverno dalla sua parte, che sa che si alza ed è notte,
che sa che il cielo della sua casa, è un cielo già perso;
la sua parola esce leggera e va, non ha più nulla da legare.
Sono abituato, come tutti vado avanti ed indietro
la mia vita va dentro e non ritorna mai niente
sa leggere le parole e sentire i miei pensieri
come una madre che non accarezza il figlio ma lo chiama per mostrarlo.
Io che so ciò che resta, io che so non ho capito
e mi ritrovo di mattina: ho pianto ed ho avuto freddo;
la mia strada è lontana e tante strade prima
aspetto il treno che è già andato, aspetto l'uomo che rimane.

Letto 185138 volte