Stampa questa pagina

Semence

Semence di cjere lontane, semence ch'a passe ta l'ârie
semence cence radîs, cence frontiere
a è sûr di un sorêli fuart e par leç a no à un passepuart
a è sûr da neif ch'a ven a taponâ i confins

Son curts i pinsîrs ch'a si cjatin, luncs i pinsîrs ch'a si lassjin
freits i amôrs a peraules intune lenghe inventade
si pierdin pal ordin las leçs ch'a metin doi oms al contrari
ch'a metin doi oms a stâ insieme ma intun lûc a une place

Ch'a si vîf di mûrs e di balcons adalt
e di timp che dut al puarte vie
come âghe di flum che da simpri a va
come âghe di flum che da simpri a reste aì

Da un pouc i ai segnât sul lunari ta cuinte stagjon di chest an
la int ch'a no à un paîs e a vîf come âghe passade 
se alc a ti scjampe di man fossie la roube plui biele
se il câs a ti iude a colâ tu iuditi a iovâ

E a 'nd è cualchi dì di lancûr par nou timp o tart a è cussì
par nou ch’i pensin che il pinsîr si movi dome a peraules par nou ch’i sin fats di sigûr e denti sin âgrimes cjaldes 
par nou ch'i sin fats di cidin e ch'i vivin di mercjât
Seme
Seme di terra lontana, seme che passa nell'aria
seme senza radice, seme che non conosce frontiere
è fratello del sole che per legge non ha passaporto
è fratello della neve che cade e nasconde i confini

Sono corti i pensieri che si incontrano, lunghi i pensieri che si lasciano
freddi gli amori a parole in una lingua inventata
Si perdono le leggi che mettono due uomini l'uno contro l'altro
che mettono due uomini a vivere insieme in un posto a una piazza

Si vive di mura e di finestre alte
di tempo che tutto porta via
come acqua di fiume che da sempre va
e da sempre resta lì

Da un po' ho segnato sul calendario nella quinta stagione di quest'anno
la gente che non ha un paese e vive come acqua stagnante
se qualcosa ti scappa di mano anche la cosa più bella
se il caso ti lascia per strada tu aiutati a rialzarti

C'è qualche giorno di malinconia per noi prima o poi è così
per noi che pensiamo che il pensiero si muova solo a parole
per noi che cerchiamo il sicuro e dentro siamo lacrime calde
per noi che siamo fatti di silenzio e viviamo di mercato
Letto 110727 volte