Testi SI VÎF

Si vîf

Si vîf di timp e di un trimâ da simpri Si vîf di lûsj e di...

Ultims pinsîrs

Son i ultims pinsîrs di une gnove zornade
si saludin i amîs e si reste a cjalâ
e la vite a si mouf e ogni dì si fâs lei
se i tiei vôi ai son libârs i tiei vôi son par iei
E lisere a ti puarte la sô arie di plôe
a son ores ch’a girin al è un timp ch’al sta ferm
e a sintî ch’a ti cîr o ch’a è denti di te
o a fâs finte di nue tal cidin da tô cjase
Tal cidin da tô cjase enfre i mûrs dal to iessi
cuant che l’anime à poure a respire cun tei
e par te ce ch’a invente chest nissjun no lu sa
e a ti lei tal pinsîr e ti puarte difûr
Ma difûr al ven scûr e nissjun a ti viout
une musiche a sune, une âgrime a bale
une âgrime vere ch’a sa dut dal to timp
dapardut a ‘nd è un prin ch’a nol è mai finît
Ma daûr a si viout un sorêli ch’al iove
e nossere ta strade a lusjive la plôe
a son luncs i agns in doi, a son luncs i agns bessoi
no ‘nd è mai timp avonde no ‘nd è mai timp di plui
Ultimi pensieri
Sono gli ultimi pensieri di una nuova giornata
si salutano gli amici e si resta a guardare
la vita si muove e ogni giorno si fa leggere
se i tuoi occhi sono liberi i tuoi occhi sono per lei
E leggera ti porta la sua aria di pioggia
sono ore che girano è un tempo che sta fermo
e senti che ti cerca o è dentro di te
o fa finta di nulla nel silenzio della tua casa
Nel silenzio della tua casa fra le mura del tuo essere
quando l'anima ha paura respira insieme a te
e cosa ti riserva nessuno lo sa
ti guarda negli occhi e ti chiama fuori
Fuori è buio nessuno ti vede
una musica suona, una lacrima balla
una lacrima vera che sa tutto del tuo tempo
c'è sempre qualcosa del passato che non finisce
Ma fuori si alza il sole
ieri sera la strada riluceva di pioggia
sono lunghi gli anni in due, sono lunghi gli anni da soli
e non c'è mai tempo abbastanza non c'è mai tempo in più

Da un po' ho segnato sul calendario nella quinta stagione di quest'anno
la gente che non ha un paese e vive come acqua stagnante
se qualcosa ti scappa di mano anche la cosa più bella
se il caso ti lascia per strada tu aiutati a rialzarti

C'è qualche giorno di malinconia per noi prima o poi è così
per noi che pensiamo che il pensiero si muova solo a parole
per noi che cerchiamo il sicuro e dentro siamo lacrime calde
per noi che siamo fatti di silenzio e viviamo di mercato
Letto 34414 volte
Altro in questa categoria: Une peraule buine »