Stampa questa pagina
Martedì, 02 Aprile 2013 20:29

Il “Vanzeli di Marc” seont Luigi Maieron

Vota questo articolo
(0 Voti)

di FELICIANO MEDEOT

09 gennaio 2007
Il Friûl al è un stran puest: indulà che si pues capì a implen la impuartance di une opare e di un artist dome daspò che lu ametin i forescj.
Nol sarà forsit il câs di Luigi Maieron, cjargnel di Çurçuvint, ma la profonditât de sô opare e l'alt nivel culturâl e musicâl che i apartegnin a varessin di jessi cognossûts miôr e salacor, jessi comparâts cui artiscj talians plui nomenâts.


Di chest aspiet si podeve nasâ alc daspò dal sucès otignût di Maieron cu la opare I Turcs tal Friûl, rielaborazion in musiche e prose de opare di un zovin Pieri Pauli Pasolini – I Turcs e fo scrite intal 1944 – che e je stade presentade inte suaze dal Mittelfest a Cividât tal lui dal 2006.
Dut câs, la anime cjargnele, pardabon sclete e direte, di Maieron e ven fûr inte leture seniche dal Vanzeli dal evangjelist Marc, cjapât sù di ce che al reste di une version aquileiese dal VI secul.
Ma la novitât no je dome l’argoment tratât o la cure dal discors, e je ancje la cualitât esecutive e di sintiment doprade te opare. La rileture, scrite intun cjargnel sancîr – dal cûr e no omologât –, e je stade presentade a Zerà domenie ai 8 di Otubar e ancjemò inte glesie di San Lurinç dal Lusinç ai 3 di Dicembar dal an passât. E je previodude la partecipazion di cetancj preseâts artiscj di dute la Patrie: la corâl feminine de Pleiadi di Capriva, direzude di Manuela Marussi, la stesse Marussi e Ondina Altran, tant che vôs solis, il coro dai fruts Artemìa di Tor di Zuin dai mestris Denis Monte e Barbara Di Bert e, pe part strumentâl, Ivan Cossetti (bas melodic), Arianna Plazzotta (Arpe), Daniele Masarotti (violin) e Franco Giordani (mandulin).
La storie dal Crist e ven rivivude in diviers moments: di cuant che la Madone e spiete Jesus (Di cui sarai la femine), fin ae conte de Passion. In cierts moments dal spetacul si sint dut il scjas, la tragjedie e la intensitât dai moments: si sint propri la passion di une robe «fate cul cûr viert», cemût che al amet il stes Maieron.
Ma a son ancje une sperance, une fuarce e une volontât di lâ indenant, daspò dai dîs de Passion, intune incressite di fuarce e di espression che si siere juste apont cun Lait dapardut: la sperance che la storie e ledi indenant e che no finissi suntune crôs.
Nol è facil par nuie trai di un test come il Vanzeli emozions fuartis che a vegnin fûr dome di chei che a san miscliçâ cun sintiment vôs, suns e tescj.
In sumis une passion pe Passion che e ricuarde forsit ancje masse La Buona novella di chel grant che al è stât Fabrizio De Andrè, un cjante storiis che a ore di vuê al ven ancjemò scoltât e preseât. E cussì, salacor, al varès di jessi ancje par Maieron e par chest Vanzeli di Marc che al merete di jessi editât e cognossût di ducj i furlans.

Letto 4382 volte