Argjentina

Emigrante  per  avventura,  per  necessità,  perché  era  giovane,  perché  aveva  il  male  del  mattone.
Emigrante  per  poco,  ma  il  periodo  si  allunga.  Quindici  anni.  Torna  e  non  trova  più  gli  stessi
borghi.  Tutto  è  cambiato.  E’  estraneo  anche  alla  sua  famiglia.  Trova  tre  nuovi  “figli”.
Brinda   per   il   ritorno,   brinda   per   i   figli.   Brinda   per  una   festa  senza  allegria.

Un po’ per avventura un po’ disperazione
un pôc ch’i eri zovin cul mâl dal madon
i soi lât a cuistâ pan e gaban combattendo contro un
destino avaro
e di fati si sa che la Carnia incomincia ad Amaro
Argjentina paîs cença rivas i ai imparât a dî vin al lôr vin
peon o cjargnel vita grama merenda con pane coltello
e panorama
E tornâ dopo cuindis agns e il cjâf
a nol sta daûr a ce ch’al dîs il cûr
in memoria tutto uguale ma ta vita dut cambiât
a mi àn puartât via il gno borc, a mi àn derobât
E il cûr al bat encja da nou il cûr al bat encja da nou
Cjasa mê entrâ par daûr cidin come un lari
la mê femina sbarlumida a i cola di man il vim
ve gno fi za grant ch’al zuia cun trei amîs
cîr ‘ne famea cîr un paîs

E lo so di essere padre di un orfano
e lo so che è orfano di padre
I tiri fûr un sombrero, chest regâl al è par te
“e a nô mama” a disin chei aitis trei
E il cûr al bate encje da nou il cûr al bat encja da nou
A si dîs bagnâ il licôf a si dîs bagnâ i riçots
e jo si che ju ai bagnâts jo plera jo seglot
al è cussì al va il scarpet cui lu gjava e cui lu met
e il vino ti sostiene e poi ti butta
questa partita è finita al ricovero a Paluzza

Un po’ per avventura un po’ disperazione
un po’ che ero giovane con il male del mattone
sono andato a conquistare pane e tuta combattendo
contro un destino avaro
e infatti si sa che la Carnia incomincia ad Amaro

Argentina paese senza pendii ho imparato a dire
vino al loro vino
peones o carnico vita grama merenda con pane
coltello e panorama
E tornare dopo quindici anni e la testa
non sta dietro a quello che dice il cuore
nellamemoriatuttougualemanellavitatuttocambiato
mi hanno portato via il mio borgo mi hanno derubato
E il cuore batte anche da noi il cuore batte anche da noi
Casa mia entrare per dietro silenzioso come un ladro
mia moglie stranita gli cade di mano il Vim
vedo mio figlio già grande che gioca con tre amici
cerco una famiglia cerco un paese
E lo so di essere padre di un orfano
e lo so che è orfano di padre
tiro fuori un sombrero questo regalo è per te
“e a noi mamma?” dicono gli altri tre
E il cuore batte anche da noi il cuore batte anche da noi
Si dice bagnare il ritorno si dice bagnare i ricci
e io sì li ho bagnati io imbuto io secchio
così va il’ scarpet’ chi lo toglie e chi lo mette
e il vino prima ti sostenta e poi ti butta
questa partita è finita al ricovero di Paluzza


Luigi Maieron: Voce, Chitarra acustica
Davide “Billa” Brambilla: Fisarmonica
Franco Giordani: Mandolino, Cori
Francesco Piu: Chitarra acustica e Cori
Elvis Fior: Batteria
Ellade Bandini: Percussioni
Paolo Manfrin: Basso, Cori
Paolo Forte: Bandoneòn

Letto 2976 volte
Altro in questa categoria: « Filo spinato